Vivere Il Palazzo e il Giardino Arese Borromeo
Vivere il Palazzo e il Giardino Arese Borromeo

Vivere il Palazzo e il Giardino Arese Borromeo

Associazione di volontariato culturale CESANO MADERNO


c/o Palazzo Arese Borromeo - via Borromeo 41, 20811 Cesano Maderno – MB
e-mail info@vivereilpalazzo.it

Palazzo: Piano Nobile

Scalone degli Stemmi

Scalone degli Stemmi

Al piano nobile, diversamente dal piano terra, gli affreschi ricoprono tutte le pareti, incorniciati in quadrature architettoniche per la maggior parte da terra al soffitto, che è a passasotto e costantemente decorato con motivi a rosetta. Il numero di stanze affrescate al piano nobile è veramente notevole, in specie per un palazzo nobiliare dell’area milanese e briantea, attualmente ne contiamo circa venticinque.

Particolare della Boscareccia

Particolare della Boscareccia

Per la maggior parte gli affreschi si devono al secondo Seicento milanese ed al preciso programma iconografico di Bartolomeo III Arese che qui dispiega il proprio pensiero con stretta coerenza, in ogni minimo dettaglio e con una ampiezza che non ha quasi paragoni in ambito milanese. Proprio in questo è la straordinarietà del palazzo, la sua totale concezione unitaria, puntualmente leggibile nell’insieme e nel particolare.

Salone d’onore oggi detto dei Fasti Romani

Salone d’onore oggi detto dei Fasti Romani

Salone dei Fasti Romani: apoteosi della Chiesa

Salone dei Fasti Romani: apoteosi della Chiesa

Nella significativa importanza, qualità e quantità degli affreschi è l’aderenza allo spirito del barocco. Dallo scalone degli stemmi, in cui si evidenziano le parentele e le alleanze, si accede all’ala ovest con una sequenza di stanze dai vari soggetti effigiati: sala delle Rovine, due boscarecce, il salone d’onore centrale completamente affrescato, ora detto dei “Fasti romani”, la sala del Castello (con le spettacolari riproduzioni ad affresco del Castello Sforzesco di Milano a metà Seicento, del palazzo di Cesano e del Lago Maggiore), il salone delle Colonne, che ospitava tra sontuose quadrature a colonne tortili i secenteschi ritratti degli Asburgo, re di Spagna e duchi di Milano, ed infine una serie di sale (ancora da restaurare) che conducono direttamente all’Oratorio pubblico dell’Angelo Custode e di S. Antonio da Padova.

Particolare del salone dei Fasti Romani

Particolare del salone dei Fasti Romani

La Boscareccia che dà sulla piazza del teatro, opera di Giovanni Ghisolfi, è uno straordinario capolavoro della pittura del Seicento lombardo.
La natura, sempre e costantemente frequentata dall’uomo, è raffigurata in una visione a 360 gradi in cui alberi ed archi naturali assumono il ruolo di pilastri e colonne, il tutto espresso con tonalità intense e nelle varianti dei bruni.

Salone dei Fasti Romani: Enea riceve da Mercurio l'ordine di abbandonare la regina Didone

Salone dei Fasti Romani:
Enea riceve da Mercurio l'ordine
di abbandonare la regina Didone

Di seguito abbiamo il Salone dei “Fasti romani”, così chiamato in quanto sulle grandi pareti sono raccontati per brevi cenni momenti significativi della storia antica romana, nonché due grandi scene con l’inizio della civiltà romana (Enea che abbandona Didone) e il trionfo della Chiesa Cattolica Romana. Nel registro superiore sono raffigurati, personaggi di diversi strati sociali: nobili, musici e contadini, che idealmente partecipano agli avvenimenti che si svolgono nel grande salone.

Galleria delle Arti liberali

Galleria delle Arti liberali

Galleria delle Arti liberali: Pittura

Galleria delle Arti liberali: Pittura

Nel lato sud, tramite la Galleria delle Arti Liberali si accede agli appartamenti privati verosimilmente in origine di Giulio II e del padre Bartolomeo III. La Galleria, il più scenografico degli ambienti di palazzo con i suoi oltre 20 metri di lunghezza, ospitava una collezione di statue marmoree a soggetto biblico-storico e mitologico, oggi all’Isola Madre, commissionate dal Presidente Arese agli scultori milanesi più in voga del suo tempo (Bussola, Albertini, Volpino, Simonetta).
Le sette Arti sono raffigurate sul lato del cortile e di fronte ad ognuna appare il relativo personaggio dell’antichità classica che le rese importanti.
A metà galleria si apre la piccola cappella privata dedicata a S. Pietro Martire, decorata interamente ad affreschi nel 1677 con soggetti biblici e riferiti alla vita del frate domenicano, ucciso dagli eretici nella vicina Seveso nel 1252. Tutte le scene raffigurate sono contenute da splendide quadrature.

Galleria delle Arti liberali: Dama alla finestra

Galleria delle Arti liberali: Dama alla finestra

Gli affreschi del piano nobile sono opera dei più importanti pittori del secondo seicento lombardo: Giovanni Ghisolfi, Giovanni Stefano Doneda il Montalto e il fratello Giuseppe, Ercole Procaccini il Giovane, Federico Bianchi, Antonio Busca e relative botteghe.

Particolare della Sala del Castello

Particolare della Sala del Castello

Salone delle Colonne (in attesa di restauro)

Salone delle Colonne (in attesa di restauro)

Ambiente particolare del piano nobile è lo splendido loggiato, con funzione panoramica sul grande giardino retrostante, che collegava il quartiere di sud-est (probabile zona privata di Bartolomeo III Arese) con quello nord in origine riservato alle “signore donne” e poi trasformato a metà Settecento nell’appartamento privato di residenza dei conti Borromeo (stanze un tempo riccamente arredate, ma prive di decorazioni parietali). Questo appartamento è collegato al vestibolo del piano terra dal secentesco scalone monumentale dell’ala nord (da restaurare).

La loggia

La loggia

Maggio 2018

Disponibile online
QUADERNI
DI PALAZZO ARESE BORROMEO

Se non sei iscritto al sito puoi farlo da qui:
iscrizione gratuita al sito

Login

username:
password:

Vedi il video:

Palazzo nel Tempo - Digital Click
Palazzo nel Tempo - Digital Click


Per vedere gli altri video
vai al canale
VIVEREILPALAZZO
su YouTube