Vivere Il Palazzo e il Giardino Arese Borromeo
Vivere il Palazzo e il Giardino Arese Borromeo

Vivere il Palazzo e il Giardino Arese Borromeo

Associazione di volontariato culturale CESANO MADERNO


c/o Palazzo Arese Borromeo - via Borromeo 41, 20811 Cesano Maderno – MB
e-mail info@vivereilpalazzo.it

Bibliografia

Titolo: Arte Lombarda n.138 - 2003: "Cesano Maderno Bene Culturale: l'inizio di una storia"
Autore: Autori Vari
Editore: ISAL (Istituto per la Storia dell'Arte Lombarda)
Sintesi: Sebbene si tratti di una rivista e non di un libro, si ritiene importante comunque segnalare questo numero della prestigiosa rivista Arte Lombarda, poiché interamente dedicato a Cesano Maderno, per volontà dell'allora direttrice dell'ISAL, prof. Maria Luisa Gatti Perer. In esso si trovano saggi sia di carattere storico che artistico relativi alla nostra città: gli studi sulle antiche rogge di Desio e Borromeo, la scoperta e restauro di una pergamena medioevale, la pala del Transito nell'omonimo oratorio annesso a palazzo Arese Jacini, la committenza musicale degli Arese nella prima metà del '600 e la figura del "ragionato" Ferrante Baselino al servizio dei Borromeo a metà '700.
Arte Lombarda n.138 - 2003

Arte Lombarda n.138 - 2003
Titolo: Il Palazzo Arese Borromeo a Cesano Maderno
Autore: a cura di Maria Luisa Gatti Perer e autori vari
Editore: ISAL - 1999
Sintesi: Sebbene necessiterebbe di una riedizione aggiornata alla luce delle scoperte di carattere storico, architettonico, iconografico e artistico avvenute negli anni successivi, si tratta di un libro fondamentale sul palazzo cesanese: la prima vera e propria pubblicazione dedicata a questo prestigioso e importante monumento barocco. Di notevole interesse la trascrizione dell’inventario degli arredi mobili, redatto nel 1762 dal ragioniere Ferrante Baselino, che fornisce una descrizione accurata degli ambienti del palazzo e del loro utilizzo a metà Settecento. Il libro è consultabile in Biblioteca Civica, essendo tutte le copie esaurite.
Il Palazzo Arese Borromeo a Cesano Maderno
Titolo: Il testamento di Bartolomeo III Arese
Autore: Andrea Spiriti
Editore: DICOM dell’Università dell’Insubria di Varese – 2004
Sintesi: Si tratta della trascrizione commentata del testamento redatto il 24 settembre 1671 da Bartolomeo III Arese (1610-1674), conte di Castel Lambro e Presidente del Senato di Milano, artefice e committente di palazzo Arese Borromeo di Cesano Maderno. Abbastanza ricca è l’introduzione al testo, dove vengono riassunte le tappe fondamentali della vita dell’Arese e sintetizzate le informazioni salienti contenute nel testamento. Interessante per comprendere il passaggio di proprietà tra Arese e Borromeo nella Cesano di fine Seicento.
Il testamento di Bartolomeo III Arese
Titolo: Ritratto politico cerimoniale con figure. Carlo Borromeo Arese e Giovanni Tapia, servitore e gentiluomo
Autore: Cinzia Cremonini
Editore: Bulzoni Editore - 2008
Sintesi: La trascrizione e l’accurata analisi compiuta dalla Cremonini su un prezioso manoscritto custodito presso la Biblioteca Ambrosiana di Milano ha notevolmente arricchito le conoscenze sul conte Carlo IV Borromeo Arese (1657-1734) e sule vicende di Casa Borromeo a cavallo tra 600 e 700. Giovanni Tapia, dapprima paggio e poi servitore personale del conte, descrive gli episodi salienti della vita del suo padrone, soffermandosi soprattutto sul ruolo che ebbe come diplomatico al servizio dell’Impero asburgico, prima come Vicerè di Napoli e poi come ministro plenipotenziario per i feudi imperiali in Italia. Non mancano i numerosi riferimenti al palazzo di Cesano, che assieme a quello di Milano e soprattutto dell’Isola Bella, era teatro di fastosi ricevimenti degni di una vera corte barocca, di cui il conte Carlo IV curava il cerimoniale con finalità “politiche” e di arricchimento del prestigio familiare.
Ritratto politico cerimoniale con figure. Carlo Borromeo Arese e Giovanni Tapia, servitore e gentiluomo
Titolo: Clelia Grillo Borromeo Arese – Vicende private e pubbliche virtù di una celebre nobildonna nell’Italia del Settecento
Autore: Anna Maria Serralunga Bardazza
Editore: Eventi & Progetti Editore - 2005
Sintesi: L’autrice ci fa conoscere la vita e il carattere di uno dei personaggi femminili più eccentrici e intriganti del Settecento milanese, la contessa Clelia Grillo (1684-1777) sposa del conte Giovanni Benedetto Borromeo Arese. Frutto di una ricerca d’archivio molto accurata questo libro, oltre narrare la lunga vita della protagonista, le sue passioni per la scienza, le sue tendenze politiche filo borboniche e le sue importanti amicizie, mostra uno spaccato della Milano di metà Settecento, con vicende che si intrecciano spesso con i fatti storici e i personaggi di maggior rilievo di quel periodo, primo fra tutti l’imperatrice Maria Teresa d’Austria. Nei carteggi trascritti da Serralunga Bardazza viene più di una volta citato il palazzo di Cesano Maderno, luogo privilegiato di villeggiatura della contessa almeno fino al 1744, anno in cui rimase vedova e fu “relegata” dai figli in altre residenze di campagna di casa Borromeo, a causa del suo scomodo carattere.
Clelia Grillo Borromeo Arese – Vicende private e pubbliche virtù di una celebre nobildonna nell’Italia del Settecento
Titolo: Il Governo del duca d'Ossuna e la vita di Bartolomeo Arese
Autore: Gregorio Leti (in realtà Gerolamo Arconati Lamberti)
Editore: Francesco Colombo Librajo ed Editore in Milano - 1854
Sintesi: Con prefazione e note a cura dello storico Massimo Fabi, nel 1854 furono ristampati due libri all'epoca assegnati allo storico secentesco Gregorio Leti, oggi però da molti studiosi attribuiti ad un altro storico milanese del XVII secolo, Gerolamo Arconati Lamberti. Il primo, edito nel 1678 a Colonia, è il resoconto del governo dello Stato di Milano sotto Gaspar Tellez de Giron V Duca d'Ossuna (1670-1674), qui descritto in tono assai polemico e quasi caricaturale, in quanto l'autore, convinto anti-spagnolo, volle mettere in luce solo gli aspetti negativi dell'amministrazione iberica del Milanese. Il secondo libro, ancor più interessante per quanto riguarda le vicende legate a Cesano Maderno, è la biografia del conte Bartolomeo III Arese, edita sempre in Colonia nel 1682. Essendo una fonte coeva è un testo di notevole importanza storica, sebbene anche qui l'autore non trascurò l'occasione per ridicolizzare la dominazione spagnola, e pertanto va contestualizzato. Sono riportate, in tono encomiastico, le tappe della carriera politica e diplomatica dell'Arese durnate la Guerra dei Trent'Anni, fino alla carica di Presidente del Senato. Non mancano gustosi anedotti su episodi accaduti a Milano in quegli anni e sulle vicende private del conte, come le "biricchinate" combinate dal giovane rampollo contino Giulio II, morto prematuramente nel 1665. Fondamentale poi la "famosa" citazione sul palazzo di Cesano, luogo privilegiato di villeggiatura del conte, paragonata alle sfarzose dimore barocche dei Castelli Romani...
Il Governo del duca d'Ossuna e la vita di Bartolomeo Arese

Il Governo del duca d'Ossuna e la vita di Bartolomeo Arese
Titolo: La ghiacciaia di palazzo Arese Borromeo a Cesano Maderno
Autore: Domenico Flavio Ronzoni e Ketty Magni
Editore: Bellavite Editore in Missaglia - 2006
Sintesi: Una pubblicazione dedicata alla splendida ghiacciaia ipogea di palazzo Arese Borromeo, a seguito del restauro eseguito dalla proprietà nel 2006. La parte introduttiva del libro racconta le tipologie di ghiacciaia, con particolare attenzione a quelle situate in territorio brianteo, mentre la seconda parte cura in modo più approfondito gli aspetti legati al recupero del manufatto e alla nuova destinazione d’uso a servizio della vicina struttura ricettiva. Il testo è interessante perché fornisce al lettore informazioni su una delle parti più suggestive e raffinate dal punto di vista architettonico dell’intero palazzo di Cesano.
La ghiacciaia di palazzo Arese Borromeo a Cesano Maderno
Titolo: Le Isole Borromeo e la Rocca di Angera – Guida storico-artistica
Autore: Mauro Natale
Editore: Silvana Editoriale - 2000
Sintesi: Mauro Natale ha composto una guida di facile lettura, utile per il turista che visita le ricche e preziose collezioni di famiglia Borromeo Arese allestite presso le tre famose dimore storiche verbanesi. Vengono descritti la storia, l’architettura, gli arredi e i giardini dell’Isola Bella, dell’Isola Madre e della Rocca di Angera. Di notevole rilevanza soprattutto la parte della guida dedicata alle collezioni dell’Isola Madre, dove è attualmente esposta gran parte dell’arredamento (quadri, mobili, statue) presente in origine a palazzo Arese Borromeo di Cesano fino agli anni ’70 del secolo scorso.
Le Isole Borromeo e la Rocca di Angera – Guida storico-artistica
Titolo: Cesano Maderno nell’Ottocento
Autore: Delia Frigerio
Editore: Comune di Cesano Maderno - 2000
Sintesi: L’autrice racconta la vita della nostra comunità nel corso del XIX secolo, basandosi soprattutto sui documenti d’epoca conservati presso l’archivio comunale e affrontando alcuni argomenti principali, quali il periodo della dominazione austriaca del Lombardo-Veneto, l’unione nel 1869 dei tre comuni prima indipendenti di Cesano, Binzago e Cassina Savina, l’istruzione, l’agricoltura (fondamentale la bachicoltura), le opere pubbliche (nuove strade e l’arrivo delle ferrovie Nord). Di notevole interesse, infine, una prima analisi storica sulla Roggia Borromeo.
Cesano Maderno nell’Ottocento
Titolo: Mombello di Limbiate - Passato e presente di una comunità delle Groane
Autore: Carlo Piu
Editore: Associazione Padre Monti Saronno - 2010
Sintesi: Mombello di Limbiate, pur non appartenendo amministrativamente al territorio di Cesano Maderno, considerata la stretta vicinanza e l'importanza storica che villa Crivelli ebbe nel passato, fa di questa pubblicazione un interessante compendio per chi è appassionato di storia locale, soprattutto dell'ambito delle Groane cesanesi. L'autore analizza la storia di Mombello dalle origini ai giorni nostri, passando in rassegna le varie tappe storiche fondamentali: il castello medioevale di "Monte Bello", la villa di delizie degli Arconati e poi dei Crivelli, il noto soggiorno di Napoleone Bonaparte nel 1797, la trasformazione ottocentesca del complesso nel grande manicomio provinciale, l'attuale situazione e le vicende recenti del quartiere nel dopo guerra. Interessanti i capitoli dedicati alle località Mombellino (Villa Lurani) e del vicino aereodromo Savoia, località poste al confine con Cesano (attuale Oasi LIPU). Il libro è inoltre arricchito da molte vecchie fotografie e cartoline.
Mombello di Limbiate - Passato e presente di una comunità delle Groane
Titolo: Per una storia di Seveso
Autore: Cristoforo Allievi
Editore: Comune di Seveso - 1998
Sintesi: Cristoforo Allievi (1881-1960), sacerdote sevesino, poi prevosto a Costa Masnaga, era un uomo colto e grande appassionato di storia locale. Laureato in scienze naturali a Pavia, in stretta amicizia con importanti geologi e sismologi del suo tempo, scrisse a puntate negli anni '10 sulla rivista parrocchiale "Risveglio Cristiano" la storia di Seveso dalle origini alle soglie dell'Ottocento. Questi appunti di grande valore storico furono poi raccolti in questa pubblicazione nel 1998 per volontà dell'amministrazione comunale di Seveso. L'Allievi, basandosi principalmente su documenti d'archivio, affrontò temi storici non solo inerenti al borgo di Seveso, ma anche alla sua Pieve, a cui apparteneva anche Cesano Maderno. Tra i primi egli si occupò della figura del conte Bartolomeo III Arese e della sua committenza nella Valle del Seveso. Ancora oggi fondamentali e ricchi di informazioni i capitoli dedicati al convento domenicano di San Pietro Martire (sito legato agli Arese e ai Borromeo) e al monastero benedettino femminile di San Vittore a Meda.
Per una storia di Seveso

Maggio 2017

Disponibile online
QUADERNI
DI PALAZZO ARESE BORROMEO

Se non sei iscritto al sito puoi farlo da qui:
iscrizione gratuita al sito

Login

username:
password:

Vedi il video:

Palazzo nel Tempo - Digital Click
Palazzo nel Tempo - Digital Click


Per vedere gli altri video
vai al canale
VIVEREILPALAZZO
su YouTube