Vivere Il Palazzo e il Giardino Arese Borromeo
Vivere il Palazzo e il Giardino Arese Borromeo

Vivere il Palazzo e il Giardino Arese Borromeo

Associazione di volontariato culturale CESANO MADERNO


c/o Palazzo Arese Borromeo - via Borromeo 41, 20811 Cesano Maderno – MB
e-mail info@vivereilpalazzo.it

Attività: Una sera nel Seicento

Una sera nel Seicento a Cesano Maderno: un successo di ottocento presenze

Una sera nel Seicento

Serata di festa e di rievocazione storica, quella di giovedì 25 settembre a Palazzo Arese Borromeo di Cesano Maderno. L’Associazione “Vivere il Palazzo e il Giardino Arese Borromeo” da due anni cura, nei mesi di giugno, luglio e settembre le visite guidate in notturna. Visto il livello qualitativo ed il successo di queste iniziative, il Sindaco Paolo Vaghi ha proposto al professor Corrado Mauri, presidente dell’Associazione e dell’Agenzia per il Turismo e la Cultura, di preparare, in occasione della festa di Cesano, una serata di ambientazione seicentesca. Così si è organizzato, insieme ai volontari dell’Agenzia, un evento volto non esclusivamente alla conoscenza approfondita della dimora, ma piuttosto a ricreare l’atmosfera che doveva viversi in quei tempi e a far rivivere, cercando di interpretarne anche il carattere e la personalità, i personaggi che nel palazzo abitarono. Si sono così materializzati Bartolomeo III Arese e la sua consorte Lucrezia Omodei, i loro figli Giulia e Giulio, il cardinale Luigi Alessandro Omodei, il pittore Giovanni Ghisolfi e vari amici e collaboratori dell’illustre gentiluomo.

Una sera nel Seicento
Una sera nel Seicento
Una sera nel Seicento
Una sera nel Seicento

Partiti già prima delle ore 21,00, ora fissata per l’inizio della festa, a causa della massiccia affluenza di pubblico, i visitatori, riuniti in gruppo e scortati da due guide, hanno prima di tutto incontrato il padrone di casa, che ha illustrato le motivazioni che lo spinsero a costruire il palazzo, ma anche cercato di trasmettere le sue idee su quelli che furono i pensieri cardine della sua vita, come l’amore per la cultura, per la moderazione, per la pace, la necessità di un buon governo temporale e l’importanza di valori religiosi e morali alla base della vita privata e collettiva. Silenziosa ma partecipe donna Lucrezia sorrideva e annuiva. Quindi si accedeva allo Scalone degli Stemmi ove si materializzava, salutando, il fattore. Nelle tre sale affrescate dal Ghisolfi il pittore illustrava l’opera sua rendendo omaggio anche ad un suo illustre maestro, Salvator Rosa. Seguiva un intrattenimento musicale del gruppo “Concento de’ Pifari”, diretto da Lucio Paolo Testi. Nella galleria delle Arti Liberali, vestito all’ultima moda e baldanzoso compariva Giulio II, giovane diciottenne che mostrava con orgoglio il suo appartamento fatto affrescare ad “usum Delphini” da suo padre e poi introduceva lo zio materno Luigi Alessandro, reduce da un recente viaggio a Roma. Sulla loggia una dama in rosso leggeva un gustoso soliloquio tratto da una commedia di Carlo Maria Maggi, amico di famiglia, e concernente il trucco delle dame nel Seicento. Seguiva quindi l’incontro con Giulia nella sala Aurora, dove la clavicembalista Maria Grazia Triggiani eseguiva un brano d’epoca. Ultimo locale da vedere era il Ninfeo. Qui un letterato con linguaggio forbito mostrava la prima sala. Dopo di che si accedeva al buffet dove si potevano gustare dolci e bevande ed in contemporanea seguire i canti del Coro dell’Università degli Studi di Milano, diretta dal maestro Renzo Galimberti, e le danze de “I moti erranti”. Alla fine, dalla loggia, il saluto del Conte e dell’Assessore alla Cultura Luciano Guazzarini e gli attesi fuochi mentre il tempo, complice fino a quel momento, cominciava a guastarsi.

Una sera nel Seicento
Una sera nel Seicento
Una sera nel Seicento
Una sera nel Seicento

La serata non prevedeva prenotazione e perciò gli organizzatori non erano preparati all’afflusso di ben ottocento persone, cosa che ha creato qualche disagio all’ingresso e al buffet, ricompensato però dall’elevata qualità dell’intrattenimento. Abili e preparati i musicisti e i ballerini, convincenti e calati nella parte coloro che, pur da dilettanti, rievocavano i personaggi d’epoca, ma anche i capaci ed efficienti inservienti di Palazzo. Il pubblico infatti ascoltava con attenzione e partecipazione, condividendo le sollecitazioni di Bartolomeo alla lealtà e alla fedeltà ai principi morali, sorrideva alla sofferta stanchezza del cardinale, si divertiva alla verve della dama in rosso. Anche i dolci sono stati apprezzati perchè ben caratterizzati nel gusto, ma anche perchè gentilmente serviti in porzioni già pronte che sveltiscono il servizio.

Una sera nel Seicento
Una sera nel Seicento
Una sera nel Seicento
Una sera nel Seicento

Molto ammirati, soprattutto dalle signore, i costumi d’epoca, sfarzosamente barocchi per i morbidi velluti, i ricchi broccati, le perle e le pietre preziose d’ornamento. Il tutto reso più suggestivo dal buio della sera rotto, in cortile, solo dalle luci vibranti delle candele.
La chiusa finale ha poi suscitato entusiasmo e applausi, infatti la Pirotecnica Verga di Macherio si è ispirata alla tradizione seicentesca, allestendo prevalentemente fuochi bianchi a cascata dalla loggia e a fontana nello spazio sotto la stessa, che si sono consumati con leggerezza ed eleganza.
Auspichiamo che, visto il grande interesse, apprezzamento ed entusiasmo del pubblico, l’evento si possa ripetere in futuro e ringraziamo vivamente tutti coloro che, con passione e slancio, hanno contribuito al successo della serata.

Marina Napoletano

Una sera nel Seicento
Una sera nel Seicento
Una sera nel Seicento
Una sera nel Seicento
Una sera nel Seicento
Una sera nel Seicento
Una sera nel Seicento
Una sera nel Seicento
Una sera nel Seicento
Una sera nel Seicento
Una sera nel Seicento
Una sera nel Seicento
Una sera nel Seicento
Una sera nel Seicento
Una sera nel Seicento
Una sera nel Seicento
Una sera nel Seicento
Una sera nel Seicento
Una sera nel Seicento
Una sera nel Seicento
Una sera nel Seicento



Maggio 2019

Disponibile online
QUADERNI
DI PALAZZO ARESE BORROMEO

Se non sei iscritto al sito puoi farlo da qui:
iscrizione gratuita al sito

Login

username:
password:

Vedi il video:

Palazzo nel Tempo - Digital Click
Palazzo nel Tempo - Digital Click


Per vedere gli altri video
vai al canale
VIVEREILPALAZZO
su YouTube