Vivere Il Palazzo e il Giardino Arese Borromeo
Vivere il Palazzo e il Giardino Arese Borromeo

Vivere il Palazzo e il Giardino Arese Borromeo

Associazione di volontariato culturale CESANO MADERNO


c/o Palazzo Arese Borromeo - via Borromeo 41, 20811 Cesano Maderno – MB
e-mail info@vivereilpalazzo.it

Attività: incontri con l'arte a Ferrara

GLI “INCONTRI CON L’ARTE” IN TRASFERTA A FERRARA

Ferrara

Sono riprese le visite guidate degli “Incontri con l’arte” curati dall’Associazione “Vivere il palazzo e il giardino Arese Borromeo” e dall’Agenzia per il Turismo e la Cultura, dopo la sospensione estiva. La meta d’esordio è stata la mostra sull’Arte Ferrarese nell’età di Borso d’Este, organizzata a Ferrara presso il prestigioso palazzo dei Diamanti.
La prenotazione d’ingresso era fissata per le ore 14,00, per cui il gruppo, giunto alla meta verso le 10,00, ha avuto la mattinata libera. Alcuni hanno deciso di visitare il duomo ed il centro storico della città, altri hanno preferito dirigersi verso la Certosa, di recente riportata al suo aspetto originario ripristinando gli splendidi altari cinquecenteschi con pale, ancone e paliotti restaurati, per poi recarsi alla casa in cui Ariosto, uno dei massimi esponenti della letteratura rinascimentale, visse gli ultimi quattro anni della sua vita e che vantava essere piccola, ma adatta a lui, ma soprattutto pagata di tasca sua, come ricorda una scritta sulla facciata.
Dopo pranzo si è entrati in mostra, dove il prof. Corrado Mauri ha illustrato la ricca raccolta di opere ferraresi tra cui naturalmente spiccavano quelle dei più noti protagonisti della stagione rinascimentale: Cosmè Tura, Francesco del Cossa ed Ercole de Roberti. La pittura ferrarese, sensibile all’influsso dei Fiamminghi, ma anche alla luce di Piero della Francesca, ha stupito per la sua bellezza e drammaticità, la consonanza e il carattere decisamente originale che accomuna in unico stile i tre grandi artisti, ma anche la loro cerchia, in opere di altissima qualità.

Ferrara

Il programma prevedeva quindi palazzo Schifanoia con la Sala dei Mesi, in cui ritroviamo i segni zodiacali e scene di vita cortigiana volte ad esaltare la figura di Borso d’Este, frequentemente rappresentato nella sua funzione di munifico e benefico signore di Ferrara. Delle pitture, andate quasi completamente perse quelle eseguite a secco perchè più deperibili, sono rimaste quelle a fresco attribuite a Francesco del Cossa, a due Maestri anonimi e a un giovanissimo Ercole de Roberti, che testimoniano ancora una volta la nervosità e spigolosità dello stile ferrarese e che colpiscono per la profusione d’oro voluta dal Signore per sottolineare la ricchezza della sua corte.
Ancora una scelta di alta qualità, quindi, giacché sia il curatore delle uscite, sia gli altri soci di “Vivere” sono convinti che il pubblico sia pronto e desideroso di ricevere offerte qualificate, purché gliele si sappia porgere nel modo giusto.
La prossima iniziativa degli “Incontri con l’arte” prevede un’uscita a Ravenna, splendida città d’arte e per un certo periodo capitale dell’impero d’occidente. Nel tour, tuttavia è prevista una sosta anche all’abbazia di Pomposa e alla città di Chioggia, tappe sulla strada Romea.

Marina Napoletano


indietro

Maggio 2019

Disponibile online
QUADERNI
DI PALAZZO ARESE BORROMEO

Se non sei iscritto al sito puoi farlo da qui:
iscrizione gratuita al sito

Login

username:
password:

Vedi il video:

Palazzo nel Tempo - Digital Click
Palazzo nel Tempo - Digital Click


Per vedere gli altri video
vai al canale
VIVEREILPALAZZO
su YouTube