Vivere Il Palazzo e il Giardino Arese Borromeo
Vivere il Palazzo e il Giardino Arese Borromeo

Vivere il Palazzo e il Giardino Arese Borromeo

Associazione di volontariato culturale CESANO MADERNO


c/o Palazzo Arese Borromeo - via Borromeo 41, 20811 Cesano Maderno – MB
e-mail info@vivereilpalazzo.it

Attività: Berlino 2014

“VIVERE” A BERLINO TRA PASSATO E PRESENTE

'VIVERE' A BERLINO TRA PASSATO E PRESENTE

Il viaggio annuale dell’associazione Vivere il Palazzo e il Giardino Arese Borromeo ha avuto come meta Berlino, capitale della Germania, a lungo rimasta divisa tra Repubblica Democratica Tedesca, sotto l’influenza dell’Unione Sovietica e Repubblica Federale Tedesca, rientrante nell’area di influenza del blocco occidentale. Questa sua particolare situazione storica ha lasciato tracce indelebili nella fisionomia della città che reca tracce del passato settecentesco nei palazzi tipici del periodo prussiano, intervallate da costruzioni risalenti al XX secolo, edificate a partire dalla fine della seconda guerra mondiale, quando si cominciò a ricostruire quanto i bombardamenti alleati avevano raso al suolo. Tali accostamenti, però, non intaccano la bellezza della città che presenta grandi viali, ampi parchi, polmone verde soprattutto della ex Berlino ovest che, chiusa nel muro costruito dalla Germania dell’est per impedire le fughe dei suoi cittadini verso l’ovest, aveva bisogno di creare luoghi di aggregazione e oasi di libertà. Nella Berlino est, invece, sono ancora visibili gli enormi e tristi casermoni innalzati dal regime comunista.

'VIVERE' A BERLINO TRA PASSATO E PRESENTE
'VIVERE' A BERLINO TRA PASSATO E PRESENTE
'VIVERE' A BERLINO TRA PASSATO E PRESENTE

Dopo un primo giro turistico riassuntivo in pullman, che ha permesso di individuare i luoghi più caratteristici, come la Alexanderplatz, la Fernsehturm ( torre della televisione),che si eleva per 325 metri, la Potsdamer Platz, cuore della moderna architettura berlinese, realizzate sotto la supervisione di Renzo Piano, che ha saputo dare unitarietà agli interventi di altri architetti, nei quali prvalgono il vetro e l’acciaio, quali Arata Isozaki (Sony Center) ed Helmut Janh, Rogers e Moneo. Del più lontano passato sono stati visitati l’antico quartiere Nikolaviertev che deve il suo nome alla Nikolaimkirche, il più antico edificio sacro della città risalente, almeno nella base, al XIII secolo, il quartiere ebraico, dagli stretti e caratteristici cortili, il duomo di Berlino, ricostruito più volte dal secolo XVIII al XX, la Porta di Brandeburgo, struttura neoclassica emblema della città ed ispirata all’ingresso dell’acropoli di Atene. Essa, fino al 1989, anno della caduta del muro, segnò il confine tra le due Berlino. Ai margini del centro della città si è invece potuta ammirare Charlottenburg, residenza estiva voluta dall’elettore Federico III per l’amata consorte Sophie Charlotte.

'VIVERE' A BERLINO TRA PASSATO E PRESENTE
'VIVERE' A BERLINO TRA PASSATO E PRESENTE
'VIVERE' A BERLINO TRA PASSATO E PRESENTE

Per quanto riguarda i musei, indimenticabile il Pergamonmuseum, famoso in tutto il mondo per la ricostruzione con pezzi originali della porta di Babilonia e dell’altare di Pergamo, frutto degli scavi di archeologi tedeschi i quali, come era d’uso un tempo, trasferirono i reperti nella loro patria. Altrettanto preziosa la collezione dei dipinti della Gemaldegalerie che raccoglie opere delle più importanti scuole europee del Medioevo e Rinascimento. Fra gli Italiani figurano Giotto, Piero della Francesca, Beato Angelico, Masaccio, Verrocchio, Botticelli, Pollaiolo, Raffaello, Tiziano, Tintoretto, Caravaggio, con il “Cupido vittorioso”.

'VIVERE' A BERLINO TRA PASSATO E PRESENTE
'VIVERE' A BERLINO TRA PASSATO E PRESENTE
'VIVERE' A BERLINO TRA PASSATO E PRESENTE

A ricordare la storia del Novecento, invece, il Reichstag, ovvero il Parlamento tedesco, tutti i luoghi, o quanto ne è rimasto, che videro l’ascesa e la parabola discendente del nazionalsocialismo, il Muro di Berlino con i dipinti che lo ricoprono, il Check Point Charlie, dove stazionavano gli Americani a guardia della porzione di città a loro affidata, infine tutti i monumenti che ricordano l’Olocausto: uno vicino al cimitero ebraico, il Museo Ebraico con la significativa ed emotiva Architettura di Libeskind, uno altrettanto suggestivo, formato da 2711 blocchi di cemento scuro di diversa altezza e inclinazione, poste a formare un labirinto che toglie il respiro e la speranza e ciò che rimane della sede della Gestapo, rasa al suolo durante la seconda guerra mondiale, ma di cui si stanno riportando alla luce le fondamenta, dove erano le cantine in cui venivano torturati i prigionieri. Giustamente questo luogo è stato chiamato “La topografia del terrore” e presenta immagini a volte di grande crudezza, a monito, forse vano, per le future generazioni.

'VIVERE' A BERLINO TRA PASSATO E PRESENTE
'VIVERE' A BERLINO TRA PASSATO E PRESENTE

La guida, Paola Dessi, che ci ha accompagnato, è un’italiana che vive da trent’anni a Berlino e che quindi ha vissuto tutte le fasi della storia più recente della città, da quando il muro era ancora in piedi ed era difficile far visita ai parenti e amici che abitavano oltre, alla sua caduta, alla riunificazione. Ha potuto così testimoniarci con ricordi personali e significativi l’atmosfera che si viveva nei vari periodi, come solo un testimone oculare può fare.

'VIVERE' A BERLINO TRA PASSATO E PRESENTE
'VIVERE' A BERLINO TRA PASSATO E PRESENTE

Non sono mancati i momenti di relax, soprattutto a pranzo e cena, gustando piatti tipici della cucina tedesca, così diversa nei gusti e negli ingredienti dalla nostra mediterranea.

Marina Napoletano


indietro

Maggio 2019

Disponibile online
QUADERNI
DI PALAZZO ARESE BORROMEO

Se non sei iscritto al sito puoi farlo da qui:
iscrizione gratuita al sito

Login

username:
password:

Vedi il video:

Palazzo nel Tempo - Digital Click
Palazzo nel Tempo - Digital Click


Per vedere gli altri video
vai al canale
VIVEREILPALAZZO
su YouTube